Nuova strategia nella lotta all’ antimicrobico-resistenza: inibire l’evoluzione batterica

I decessi correlati al fenomeno dell’ antimicrobico-resistenza (AMR) hanno raggiunto percentuali allarmanti in tutto il mondo, si stima che 700.000 persone muoiano ogni anno e questo numero potrebbe salire fino a 10 milioni entro il 2050. Gli sforzi per combattere la resistenza antimicrobica sono generalmente focalizzati sullo sviluppo di nuovi antibiotici, tuttavia la storia mostra che la resistenza sorge

Da Ragheb et al. Molecular Cell, 2018

indipendentemente dalla natura o dalla potenza dei nuovi farmaci. Per molti patogeni e classi di antibiotici, infatti, sono le mutazioni “de novo” a svolgere un ruolo fondamentale nello sviluppo di antimicrobico-resistenza, come nel caso di Mycobacterium tuberculosis, in cui l’acquisizione della resistenza si attua esclusivamente attraverso mutazioni cromosomiche. Alla luce di questa considerazione, si può ipotizzare che la riduzione della capacità mutazionale dei microrganismi potrebbe inibire significativamente la loro capacità di sviluppare antimicrobico-resistenza. Questo approccio richiederebbe l’identificazione e la conseguente inibizione di fattori attivi, definiti “fattori evolutivi”, che promuovono l’evoluzione aumentando i tassi di mutazione (direttamente o indirettamente).

Uno studio recentemente pubblicato su Molecular Cell, da un team di ricercatori dell’Università di Washington (USA), illustra una strategia alternativa per risolvere il problema dell’antibiotico-resistenza: inibire l’evoluzione.

Lo studio ha dimostrato che la DNA traslocasi Mfd è un “fattore evolutivo” che promuove la mutagenesi batterica sia durante la crescita in vitro che durante l’infezione di cellule eucariotiche e indicano la possibilità di usare Mfd come bersaglio per nuovi farmaci “anti-evoluzione” per inibire l’insorgenza di AMR.

Leggi l’articolo

Inhibiting the Evolution of Antibiotic Resistance.

MN. Ragheb et al. Molecular Cell, 2018 https://f1000.com/prime/734436300

By | 2018-11-29T18:48:35+00:00 29/11/2018|