Il microbiota intestinale differisce tra etnie diverse

La composizione del microbiota intestinale umano può variare con le malattie croniche dipendenti dalle disparità sanitarie che colpiscono particolarmente le minoranze etniche. Tuttavia, l’influenza dell’etnia sul microbiota rimane ancora poco chiara.

Uno studio condotto dalla Vanderbilt University (Nashville, Tennessee) in collaborazione con l’Università del Minnesota ha analizzato le connessioni tra microbiota intestinale ed etnicità. Lo studio, pubblicato recentemente su PLOS Biology, ha analizzato il microbiota di 1673 soggetti di diverso sesso, età, peso ed etnia. Il team di ricercatori ha evidenziato, nel campione in studio, 12 generi e famiglie microbiche ed ha evidenziato che: l’etnia influenza costantemente il microbiota intestinale con un effetto leggermente più forte rispetto ad altre variabili come l’IMC, l’età e il sesso; l’etnia è moderatamente prevedibile dalle differenze del microbiota intestinale totale; i 12 taxa identificati variavano, regolarmente ed in maniera riproducibile, in abbondanza tra le etnie.

Comprendere le somiglianze e le differenze dei microbiota attraverso le etnie ha il potenziale per promuovere approcci mirati alla scoperta e al trattamento microbico personalizzato.

Fonte

Gut microbiota diversity across ethnicities in the United States. Andrew W. Brooks et al. PLOS Biology, 2018; 16 (12): e2006842.

By | 2018-12-18T18:20:48+00:00 18/12/2018|